Tre maggiore di due

ATTENZIONE

Se non vuoi anticipazioni sulla trama del romanzo non leggere questa pagina. Qui di seguito è esposto tutto il contenuto della storia ed in particolare il colpo di scena su cui si basa l’intero racconto.

 

Tre maggiore di due è un romanzo New Adult a tematica gay. E’ il Primo Volume di una Trilogia ed è interamente pubblicato su Wattpad (QUI). Narra la costruzione di un amore inatteso nato tra due uomini sorpresi dalla casualità della vita.

Non è solo il racconto della nascita di un amore tra due uomini, quanto l’ipotesi che tale amore possa essere possibile, e raccontabile con i toni della normalità. Ma facendolo sacrifica come prima cosa la normalità stessa.

La normalità che dovrebbe cancellare ogni etichetta, in realtà ne crea solo una molto grande. Confondere i generi significa solamente mischiarli, non abbatterne oggettivamente le differenze. La vera normalità è l’assenza della norma, la a-normalità che solo l’a-more può dare all’esistenza. Nell’ a-more il giudizio si ferma: non esistono buone maniere, usanze, inclinazioni.

L’amore ci rende anormali, l’amore è la regola che non ne segue nessuna.

“Innamoratevi dell’amore, sia che siate rondine, o fiore, o larva di zanzara in una pozza”.

Il romanzo contiene un intreccio tra la “storia ufficiale”, quella tra Martin e Ludovica (con la presenza invadente ed affettuosa di Genio), e la “storia vera”, che sopraggiunge a metà romanzo, quella fra Martin e il professor Gaeta. La loro relazione rappresenta un gioco a due molto intenso, in grado di escludere il resto del mondo, con il suo portato di cultura e sentimenti autentici che si contrappongono ad un vissuto fatto di apparenza, ricchezza e superficialità.

ABSTRACT – I volume

Martin è un ventenne dal cognome importante, unico figlio di una ricca famiglia fiesolana proprietaria di una nota casa editrice. Genitori giovani e belli, come il protagonista stesso, serenamente ricco, il bello della scuola. Martin condivide le sue avventure con Genio, grossolano compagno di follie con il quale continuerà gli studi universitari.

Durante una vacanza in Salento conosce Ludovica, cameriera e studentessa di Lettere. Nasce tra loro un rapporto intenso che fa sentire Martin innamorato per la prima volta, sebbene non sfoci immediatamente in un rapporto fisico completo a causa dell’imbarazzo di entrambi.

Martin e Genio si trasferiscono a Lecce, rinunciando a Milano e non ascoltando la madre di Martin che gli consigliava di approfittare dei vantaggi dovuti al suo cognome.

Dopo la traumatica esperienza di aver scoperto la propria madre insieme ad un giovanissimo amante, Martin parte in Maserati, con Genio, alla volta di Lecce, ma con l’amara sensazione di avere una famiglia disgregata, genitori immaturi che non hanno mai sentito la necessità di costruire con il proprio figlio, che comunque è sempre stato un bravo ragazzo, un rapporto di conoscenza e di cura. Siamo a metà romanzo.

A Lecce Ludovica scopre quanto sia ricco Martin. In università seguono insieme le lezioni di Gaeta, giovane docente dalla personalità carismatica, venerato dalle studentesse, che da subito dichiara a se stesso, senza spiegazioni al lettore, quanto Martin gli appartenga. Durante il corso, su Dante e non su Ungaretti (come era invece indicato nel programma), Martin è costretto a rivelare in classe il suo cognome, Della Gherardesca.

Con un corteggiamento spietato e sempre sul filo del fraintendimento, combattuto tra la sua indole ed il proprio ruolo, Gaeta porta Martin a perdere completamente la testa ed ogni altra certezza.

Dopo un unico bacio dirompente ed inatteso, si raggiunge il culmine della vicenda durante il compleanno di Gaeta, a cui Martin partecipa per caso e durante il quale viene sottoposto ad un gioco di seduzione a distanza: un’esibizione canora di Gaeta che, con un incrocio di sguardi, gli dedica Psycho Killer, gridata al microfono dal palco. (Puoi vedere il video del testo e musica QUI). Martin cede agli assalti più o meno espliciti di Gaeta, che più che altro sembra voler dimostrare a se stesso di essere in grado di ottenere da Martin qualunque cosa. In realtà, nelle ultime righe del romanzo Gaeta tradisce un’emozione, rivelata da una frase che Martin non sente, che non avrebbe senso alla luce dei fatti fin qui esposti, ma che apre allo sviluppo della trama del secondo volume.

CHIARIMENTI
Tutta la trilogia, di cui Tre maggiore di due è solo il Primo Volume, è stata scritta per esser letta da chi non leggerebbe mai un romanzo d’amore gay (se possa mai esistere questa tipologia). Per questo motivo soprattutto nella versione pubblicata su Wattpad, che puoi trovare QUI, il romanzo ha un inizio estremamente forte con una scena etero. L’autore, Nhurene, ha scelto quindi di usare il ‘linguaggio e l’immaginario etero’, creando personaggi complessi e strutturati a cui il lettore si possa affezionare, per poi “stravolgere le carte” quando è ormai troppo tardi per decidere di interrompere la lettura.

Parlare il linguaggio etero per dimostrare che l’amore non appartiene a nessun genere in esclusiva.

Il romanzo contiene scene di sesso esplicite e di seduzione molto intense fra i due personaggi maschili. Non contiene morbosità, autolesionismo, dipendenza, anoressia o bulimia. I ragazzi si divertono, ridono, studiano Dante, parlano di Giger.

Tre maggiore di due contiene scene e situazioni forti da un punto di vista etico. Il romanzo non vuole essere ‘politicamente corretto’ nella misura in cui sceglie di utilizzare linguaggio e cliché borderline, al fine di portare a riflettere sull’inutilità di certi luoghi comuni.

Da Tre maggiore di due sono stati tratti i disegni ispirati ai protagonisti ed alle scene principali della storia, che confluiranno in una raccolta grafica a latere del romanzo stesso.

TRE MAGGIORE DI DUE,  COME LA TRILOGIA DI CUI FA PARTE, E’ STATO PENSATO PER ESSERE UNO STRUMENTO A VOLTE CRUDO, A VOLTE IRONICO, A SERVIZIO DELL’IDEA SECONDO CUI L’AMORE NON SIA ETICHETTABILE IN NESSUN MODO.

NB: L’uso del logo Wattpad in questo sito è stato autorizzato dal proprietario il 9 Novembre 2017.

Condividi